Un po’ di lingua e di cultura italiana al giorno… per 300 giorni di scuola

30 giugno

Lo Chef consiglia …

Un tipico dolce della TOSCANA sono le Scole di Pistoia …

Ingredienti

  • 80 g di lievito madre rinfrescato
  • 150 g di farina tipo 1
  • 120 g farina Manitoba
  • acqua leggermente tiepida
  • latte
  • 70 g di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 30 g di uvetta sultanina
  • mezzo cucchiaino di semi di anice
  • poco rhum
  • 30 g di burro
  • sale
  • acqua tiepida

Preparazione
Togliere il lievito rinfrescato dal frigo e lasciarlo riposare per un’ora; nel frattempo mettere in ammollo l’uvetta con acqua e rhum.
Sciogliere il lievito madre con poca acqua tiepida e aggiungervi lentamente le farine. Versare il latte fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico, aggiungere zucchero, un uovo, l’uvetta strizzata e i semi di anice.
Impastare bene per qualche minuto.

Lasciare lievitare l’impasto in frigorifero per 24 ore, coperto da pellicola.

Il giorno dopo, formare le scole, dandogli la dimensione di un piccolo panino e disporle su una teglia, ricoperte di carta forno.
Coprirle con la pellicola e lasciarle lievitare.

Accendere il forno a 180° e spennellare con del latte e cospargerle di zucchero di canna.

Infornarle per 15 minuti e, una volta pronte, servirle tiepide.

A proposito di …

Il sambuco è una pianta che viene impiegata nelle ricette della TOSCANA

Il sambuco è un arbusto perenne ed è diffuso in molte regioni italiane che si affacciano sul mare, tra cui la Toscana, in quanto cresce spontaneo nei boschi umidi o vicino ai corsi d’acqua.

Questa pianta viene apprezzata fin dai tempi antichi, dal momento che in medicina le sue bacche venivano usate per infusi e rimedi naturali.

In cucina viene utilizzato per preparare conserve e marmellate o per aromatizzare biscotti e frittelle.

Andiamo a …

Visitiamo CUTIGLIANO, città della TOSCANA

Cutigliano è la frazione capoluogo del comune sparso Abetone Cutigliano, in provincia di Pistoia. Comune sparso vuol dire che raccoglie tante piccole frazioni in un’unica struttura amministrativa. Cutigliano si trova a 680 metri di altezza in una vallata che attira amanti dello sport di sci ed infatti la risorsa economica fondamentale di Cutigliano e della stessa Abetone è il turismo invernale. Nel Medioevo si comincia ad avere notizie del borgo intorno all’anno Mille ed esso si trova sotto l’amministrazione del comune si Lizzano. Ben presto però il borgo diventa indipendente, ma deve affrontare delle lotte per difendere la sua libertà. La città di Pistoia alla metà del secolo XIV invia un Capitano della Montagna Alta per avere un controllo più diretto di quelle comunità montane. In seguito anche Firenze interferisce sul controllo della zona. Infine anche Cutigliano entra a far parte del Granducato di Toscana come tutto il resto della regione. Monumenti di un certo pregio sono la Chiesa della Madonna di Piazza, la Chiesa di San Bartolomeo e il Palazzo di Giustizia.

Visitiamo …

Passeggiate rilassanti vi aspettano nell’Area Naturale Golena del Tevere, in TOSCANA

L’Area Naturale Protetta di Interesse Locale della Golena del Tevere si trova nell’alta Valtiberina, lungo il corso del Fiume Tevere, nei comuni di Anghiari e Sansepolcro. L ‘area protetta comprende le golene del Tevere, cioè i terreni che periodicamente vengono sommersi dalle acque del fiume. La vegetazione è formata da piante in grado di resistere alle temporanee inondazioni, come i salicie il pioppo nero. Nelle zone meno umide si trovano piccoli boschi di ontani e farnie. Sulle rive di piccoli stagni formatisi in seguito all’estrazione di sabbia e ghiaia si trovano canneti. La fauna è quella tipica delle aree umide e degli ambienti fluviali con prevalenza di uccelli acquatici come il Tarabusino, il Martin Pescatore, il Cormorano, la Garzettae il Germano Reale.

VOCABOLARIO GENERALE
VOCABOLARIO CUCINA