Un po’ di lingua e di cultura italiana al giorno… per 300 giorni di scuola

21 settembre

Lo Chef consiglia …

In VENETO non manca mai il BACCALÀ alla Vicentina …

Ingredienti

  • 1 kg di stoccafisso secco
  • 300 g di cipolle
  • mezzo litro di olio d’oliva extravergine
  • 3 acciughe sotto sale
  • mezzo litro di latte fresco
  • farina bianca
  • 50 g di grana grattugiato
  • un ciuffo di prezzemolo tritato
  • sale e pepe

Preparazione
Ammorbidire lo stoccafisso in acqua fredda, pulirlo e tagliarlo a pezzi.

Affettare finemente le cipolle, rosolarle con un bicchiere d’olio, aggiungere le acciughe sotto sale tagliate a pezzetti; infine, a fuoco spento, unire il prezzemolo tritato.

Infarinare i vari pezzi di stoccafisso e metterli uno accanto all’altro, in una pirofila (sul cui fondo si verserà qualche cucchiaio di soffritto); ricoprire il pesce con il resto del soffritto, aggiungendo anche latte, grana grattugiato, sale, pepe.
Aggiungere l’olio fino a ricoprire tutti i pezzi.
Cuocere a fuoco basso per circa 4 ore e mezzo, muovendo ogni tanto la pentola in senso rotatorio, senza mai mescolare.
Il baccalà alla vicentina è buonissimo anche dopo 12/24 ore.

A proposito di …

Il BACCALÀ è il piatto Veneto più celebre …

Il baccalà è uno dei pesci più impiegati nella cucina italiana.
Proviene dai paesi Scandinavi e arriva in Italia solo nel XV secolo, quando i mercanti di Venezia lo conoscono grazie ai pescatori che insegnano loro a pescarlo e a conservarlo.
La sua conservazione sotto sale è utilizzata fin dall’antichità e ha consentito di esportarlo nel mondo, mantenendo la sua freschezza.

Andiamo a …

Visitiamo VICENZA, la città del Palladio in VENETO

Vicenza, posta al limite tra la pianura e le colline del Veneto Occidentale è una città caratterizzata dalla presenza di numerosi fiumi, cosa che in passato ha favorito lo sviluppo economico della città, ma in tempi recenti ha provocato danni notevoli per le numerose alluvioni. Della sua storia più antica restano poche tracce. Sappiamo che gli abitanti, sotto la guida dei monaci benedettini, bonificano le paludi che la circondavano e le trasformano in terre coltivabili. Dal 1400 Vicenza fa parte della Repubblica di Venezia che le garantisce un lungo periodo di pace e benessere. Nel Cinquecento la città si trasforma. Le famiglie nobili fanno costruire all’architetto più famoso del tempo, Andrea Palladio, i loro palazzi di città e le ville di campagna. I più noti sono Palazzo Barbaran e Palazzo Chiericati. Tra le ville ci sono la meravigliosa Rotonda e Villa Valmarana. Palladio interviene anche nella costruzione della Cattedrale di Santa Maria Assunta, in quella della Basilica Palladiana sede delle attività politiche ed economiche. Progetta il Teatro Olimpico, il primo teatro coperto dell’età moderna. Per questo Vicenza è nota come la ”città del Palladio”

Visitiamo …

A VICENZA si trova il Parco Naturale Regionale della Lessinia …

Il Parco Naturale della Lessinia occupa la parte più alta dei Monti Lessini. Questa zona collinare si è formata quando antichissimi fondali marini sono emersi in seguito a movimenti della crosta terrestre ed è formata da rocce friabili. Del Parco fanno parte la zona di prati e pascoli sulla cima dei colli e quella delle valli laterali che l’acqua ha scavato dando vita a un paesaggio affascinante fatto di voragini profonde, grotte e canyon. L’area più interessante del Parco è quella di Bolca, un immenso giacimento di fossili che documentano la flora e la fauna delle lagune e dell’oceano che ricopriva la regione milioni di anni fa.

VOCABOLARIO GENERALE
VOCABOLARIO CUCINA